AZZERATI I CONTRIBUTI E LA RAGGI TACEOmniroma-COMUNE, ENTE NAZIONALE SORDI: "AZZERATI I CONTRIBUTI E LA RAGGI TACE" (OMNIROMA) Roma, 02 MAR - "Il nostro è un grido di allarme alla Giunta e al Sindaco di Roma, Virginia Raggi: non veniamo ricevuti nonostante le nostre reiterate richieste e nessuno si preoccupa del nostro destino associativo. Azzerati i contributi, chiusi i servizi e ora anche uno sfratto: sono otto mesi che come Ente Nazionale Sordi chiediamo udienza. Nel clima di forte difficoltà che attualmente sta vivendo il settore sociale, è ancora più grave che associazioni rappresentative come le nostre non siano neanche considerate da Roma Capitale: i servizi essenziali relativi ai c.d. "progetti speciali" non esistono più e nella capitale nessuno batte ciglio". Così in una nota Vittorio Corsini, Presidente della Sezione Provinciale di Roma dell'Ens (Ente nazionale sordi). "La Sezione Provinciale ENS di Roma - continua la nota - rappresenta oltre 3000 persone sorde residenti nel territorio e svolge un importante lavoro di delicato rilievo sociale. O meglio svolgeva: a nessuno sembra interessare infatti la chiusura di "Silent Point", tanto per fare un esempio, e il mancato pagamento del servizio rendicontato a settembre 2016 e realizzato nel biennio 2013 e 2014. Un servizio di interpretariato per le persone sorde a basso reddito, comprensivo di consulenze legali e fiscali. O anche del servizio relativo all'integrazione sociale delle persone sorde attraverso lo sport o delle attività rivolte ai giovani sordi. O anche la produzione di video in Lis. Nessun interesse o sensibilità è stata dimostrata ad oggi da Roma Capitale, a cui quotidianamente chiediamo udienza per capire cosa sta succedendo. A queste difficoltà, si aggiunga anche lo sfratto che stiamo vivendo e la richiesta di nuovi locali comunali a cui nessuno è in grado di risponderci". "Pertanto - conclude - a seguito dei tagli subiti da Roma Capitale e dell'insensibilità dimostrata dalla Giunta e dal Sindaco che evitano le nostre richieste di incontro, la Sezione Provinciale Ens di Roma si vede costretta a protestare e chiede alla città tutta sostegno al fine di poter riattivare i servizi soppressi e rendere accessibili i servizi alle persone sorde. Stiamo chiedendo l'autorizzazione per una manifestazione da aversi il prossimo inizio aprile in piazza del Campidoglio". red

Incontro interregionale - 25 febbraio 2017